martedì, 16 Luglio, 2024

SITO IN AGGIORNAMENTO

FierAvicola, dal 27 al 29 marzo a Forlì la 51ma edizione. Ospiterà circa 200 aziende espositrici, di cui il 25% proveniente da paesi esteri

9 Febbraio 2019 - Local Genius

FierAvicola, dal 27 al 29 marzo a Forlì la 51ma edizione. Ospiterà circa 200 aziende espositrici, di cui il 25% proveniente da paesi esteri




Stampa Articolo Stampa Articolo


«Dal 27 al 29 marzo prossimi il Quartiere Fieristico di Forlì ospiterà la 51ma edizione di FierAvicola. Con un’area espositiva che copre circa 20.000 mq, FierAvicola è la fiera leader in Italia per la produzione e le lavorazioni della filiera avicola e uno degli eventi B2B più qualificati in Europa per l’industria del poultry. L’evento, che è a cadenza biennale, ospiterà circa 200 aziende espositrici, di cui il 25% proveniente da paesi esteri; oltre 10.000 le visite attese di professionisti della filiera avicola». Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata l’8 febbraio 2019 e che riportiamo integralmente. «L’evento di questo 2019 – precisa il comunicato – non sarà solo una occasione di incontro per i professionisti dell’avicultura e cunicultura, ma si prospetta come una vetrina aperta a 360° all’allevamento e al settore della nutrizione animale nel suo complesso. Alla fiera sono attesi tra gli altri più di 140 buyers esteri, con delegazioni organizzate da Cina e Russia e numerosi singoli professionisti della filiera da Paesi europei ed africani. FierAvicola 2019 porta in primo piano tutti i prodotti e i servizi interessati dalla catena avicola: dalla genetica ai prodotti per la salute degli animali, dalle attrezzature agricole alle linee di lavorazione e trasformazione. Gli argomenti che saranno trattati dai tecnici del settore dei mangimi e dai professionisti dell’allevamento nei seminari e convegni che costituiscono il programma della manifestazione approfondiranno temi di forte attualità come la sostenibilità e il benessere nella produzione animale, l’utilizzo di materie prime di alta qualità, gli ingredienti e additivi per mangimi finalizzati a migliorare la salute e il benessere degli animali e la rimozione degli antibiotici dalla produzione animale».

«Gli agricoltori italiani e i produttori di attrezzature e mangimi per l’allevamento avicolo – conclude la nota stampa – hanno sviluppato esperienze e competenze di alto livello nel corso degli ultimi decenni, facendo crescere a livelli molto elevati le prestazioni produttive di polli da carne o galline ovaiole. L’Italia presenta così un particolare tipo di approccio in avicoltura, che consente oggi a tutti gli attori della filiera (dall’alimentazione animale all’allevamento e alla trasformazione) di conseguire obiettivi di alta efficienza, nel pieno rispetto della salute e del benessere degli animali».

Fotografia pubblicata: particolare di immagine estratta dal sito ufficiale della Fiera (sezione fotogallery)
http://www.fieravicola.com/

 

Condividi su:
Tags: , ,

Articoli Correlati

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

INSTAGRAM