martedì, 16 Luglio, 2024

SITO IN AGGIORNAMENTO

Mais in Italy: un percorso di rilancio della filiera nazionale del mais tra produttività, sostenibilità e innovazione

20 Maggio 2018 - Local Genius

Mais in Italy: un percorso di rilancio della filiera nazionale del mais tra produttività, sostenibilità e innovazione


Confagricoltura e Syngenta hanno siglato un apposito Protocollo d’Intesa. Giansanti: la produzione maidicola nazionale si è contratta del 40 per cento negli ultimi dieci anni e abbiamo quintuplicato le importazioni

Stampa Articolo Stampa Articolo


«Confagricoltura e Syngenta hanno siglato un Protocollo d’Intesa volto a promuovere la diffusione e l’implementazione del programma Mais in Italy, sviluppato da Syngenta e basato su anni di esperienza in campo, studi e ricerche per la valorizzazione della produzione maidicola in Italia. La firma è avvenuta a margine dell’evento “Mais in Italy: un percorso di rilancio della filiera del mais basata su produttività, sostenibilità e innovazione“, che Syngenta ha organizzato all’interno della seconda edizione del Food&Science Festival di Mantova, una tre giorni di eventi dedicata a raccontare e approfondire il profondo legame tra cibo e agricoltura e il ruolo che scienza e innovazione rivestono nel comparto agricolo». Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata il 19 maggio 2018 da Confagricoltura nazionale, e che riportiamo integralmente. «Mais in Italy, il protocollo di coltivazione sviluppato da Syngenta per le colture maidicole italiane, è stato identificato da Confagricoltura – spiega il comunicato – come uno strumento estremamente efficace per raggiungere gli obiettivi del miglioramento della produttività agricola, la diffusione delle buone pratiche agricole a supporto della biodiversità, la promozione e diffusione di programmi di formazione dedicati all’uso sostenibile dei mezzi tecnici in agricoltura e tutte le attività che contribuiscono al raggiungimento degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (SDG) sottoscritti con l’Agenda 2030». “La produzione maidicola nazionale si è contratta del 40 per cento negli ultimi dieci anni e abbiamo quintuplicato le importazioni – ha ricordato il Presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti –. Dobbiamo recuperare terreno, ed il protocollo “Mais in Italy” punta proprio a valorizzare le produzioie di mais italiano, migliorandone la qualità e la produttività al fine di promuovere la produzione interna rispetto alle importazioni”.

«Le parti si impegnano quindi – spiega il comunicato – nella congiunta diffusione del programma presso tutti gli stakeholder, nella ricerca di fonti di finanziamento derivanti da programmi di supporto europei, nazionali e regionali e in attività di comunicazione a supporto del programma stesso». “Siamo molto soddisfatti della firma di questo protocollo di intesa e dell’apprezzamento che Mais in Italy ha ricevuto da parte di Confagricoltura”, ha affermato Riccardo Vanelli, Commercial Unit Head di Syngenta Italia. “Sono fermamente convinto – ha aggiunto – che iniziative di questo tipo ci indichino la giusta direzione per favorire uno sviluppo dell’agricoltura italiana, e non solo della filiera del mais, in un’ottica di competitività, profittabilità e sostenibilità”. «Come momento della firma del protocollo è stato appunto scelto l’incontro dedicato al mais – conclude la nota stampa – che è stato voluto da Syngenta come momento di confronto tra i protagonisti della filiera e le istituzioni per discutere delle opportunità di rilancio relative al comparto del mais nel nostro Paese. Mais in Italy si propone infatti come un’opportunità di collaborazione e confronto tra gli operatori andando a individuare le sfide che la maidicoltura italiana deve affrontare e proponendo soluzioni concrete che possano accrescere la competitività delle nostre aziende agricole».

Fotografia pubblicata: La firma del Protocollo d’intesa (immagine allegata alla nota stampa)

Condividi su:
Tags: , , ,

Articoli Correlati

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

INSTAGRAM