sabato, 24 Febbraio, 2024

SITO IN AGGIORNAMENTO

Gravi difficoltà dell’olivicoltura pugliese, Sos di Confagricoltura: il 4 gennaio gli olivicoltori scenderanno in piazza a Bari

1 Gennaio 2019 - Local Genius

Gravi difficoltà dell’olivicoltura pugliese, Sos di Confagricoltura: il 4 gennaio gli olivicoltori scenderanno in piazza a Bari


«Agricoltori pugliesi sul piede di guerra per le mancate risposte agli appelli per il riconoscimento dello stato di calamità naturale in seguito alle gelate dell’inverno scorso che hanno duramente colpito l’olivicoltura regionale»

Stampa Articolo Stampa Articolo


«Agricoltori pugliesi sul piede di guerra: il 4 gennaio a Bari scenderanno in piazza per le mancate risposte agli appelli per il riconoscimento dello stato di calamità naturale in seguito alle gelate dell’inverno scorso che hanno duramente colpito l’olivicoltura regionale. A marzo 2018, infatti, le temperature erano scese al punto da ghiacciare oltre 90mila ettari tra le province di Bari-Bat e Foggia, dove l’olivicoltura è l’asse portante dell’economia regionale. In seguito al maltempo, da quelle piante non è stato più possibile ricavare olive». Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata il 31 dicembre 2018 da Confagricoltura nazionale, e che riportiamo integralmente. “La situazione è disastrosa, senza precedenti – si legge nella petizione lanciata da Confagricoltura con Agrinsieme e le altre associazioni del settore olivicolo, che ha già ottenuto migliaia di firme – e rischia di mettere in ginocchio tutto il settore agricolo pugliese, già fortemente colpito dalla Xylella. Basti soltanto pensare alle migliaia di giornate di lavoro perse, all’attività ridotta praticamente a zero dei frantoi”.

«Gli agricoltori – sottolinea il comunicato – lamentano il fatto che non si sia arrivati alla declaratoria di stato di calamità che avrebbe premesso di attivare le misure di emergenza e sbloccare le risorse necessarie a fronteggiare la situazione». “Non si tratta di una questione esclusivamente pugliese – precisa Donato Rossi, componente della Giunta confederale – ma nazionale, poiché in questo territorio vengono prodotti quantitativi elevati di olio extravergine di oliva di alta qualità, uno dei più forti simboli del Made in Italy agricolo. Se non si attivano il Fondo di solidarietà nazionale o le norme della legge 102/2004, avviabili solo con il riconoscimento dello stato di calamità, – ricorda Rossi – la crisi si estenderà ai prossimi anni, con conseguenze devastanti per il comparto e tutta l’agricoltura”. «La protesta del 4 gennaio a Bari – conclude la nota stampa – sarà preceduta il giorno 2 da un coordinamento regionale per definire i dettagli della manifestazione, che si preannuncia imponente e non esclude ulteriori sviluppi romani».

Fotografia pubblicata: immagine generica di ulivi (archivio Local Genius)

Condividi su:
Tags: ,

Articoli Correlati

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

INSTAGRAM