lunedì, 22 Luglio, 2024

SITO IN AGGIORNAMENTO

Vivificazione delle lagune del Delta del Po, la Regione Veneto ha istituito un gruppo di lavoro interdisciplinare

18 Giugno 2018 - Local Genius

Vivificazione delle lagune del Delta del Po, la Regione Veneto ha istituito un gruppo di lavoro interdisciplinare


Gli interventi assumono una valenza fondamentale per la tutela di produzioni di eccellenza quali le vongole del Delta, il pesce azzurro di Pila, le ostriche rosa e la cozza Dop di Scardovari

Stampa Articolo Stampa Articolo


«Per favorire gli interventi di vivificazione delle lagune del Delta del Po e per superare i sempre più pressanti problemi di carattere ambientale, la Giunta regionale del Veneto ha istituito un gruppo di lavoro interdisciplinare per coordinare e semplificare gli adempimenti amministrativi. Lo ha annunciato il presidente della Regione al termine della odierna seduta di giunta nel corso della quale è stato approvato il provvedimento in questione, portato dall’assessore al territorio di concerto con i colleghi all’agricoltura e pesca, all’ambiente, alle infrastrutture». Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata il 15 giugno 2018 dalla Regione Veneto, e che riportiamo integralmente. «Il coordinamento – spiega il comunicato – nasce per affrontare il problema dello scarso ricambio d’acqua, del livello della salinità e del proliferare di alghe che tolgono ossigeno a pesci e molluschi, insieme agli scavi alle bocche di accesso ai porti. L’anossia, in particolare, minaccia il delicato equilibrio degli ecosistemi di quest’area e le attività produttive di acquacoltura, una delle principali ricchezze economiche del territorio polesano. In considerazione del fatto che le competenze sono molteplici e afferiscono a vari enti, i diversi assessorati di riferimento hanno ritenuto opportuno istituire uno strumento tecnico di coordinamento permanente, con il compito di tenere la situazione costantemente sotto controllo e di programmare in maniera integrata gli interventi necessari alla vivificazione delle lagune e dell’area deltizia».

«Il presidente – conclude la nota stampa – ha sottolineato che gli interventi assumono una valenza fondamentale per la tutela di produzioni di eccellenza quali le vongole del Delta, il pesce azzurro di Pila, le ostriche rosa e la cozza Dop di Scardovari. In quest’ultima realtà opera una cooperativa di 1.500 soci di cui 900 sono donne. I prodotti vengono esportati in tutto il mondo, anche in Francia».

Condividi su:
Tags: , , , , ,

Articoli Correlati

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

INSTAGRAM