domenica, 25 Febbraio, 2024

SITO IN AGGIORNAMENTO

Candidatura a Patrimonio Unesco delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiaddene, si attende la valutazione conclusiva del Comitato

11 Maggio 2018 - Local Genius

Candidatura a Patrimonio Unesco delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiaddene, si attende la valutazione conclusiva del Comitato


Il primo esito della valutazione tecnica sul dossier è stato negativo. Intervento del professor Amerigo Restucci

Stampa Articolo Stampa Articolo


«Giovedì 10 maggio è stato pubblicato il primo esito della valutazione tecnica sul dossier di candidatura de “Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiaddene”. Come previsto l’esito non è positivo non certo per motivi ambientali, come era stato erroneamente detto da taluni nei giorni scorsi sui quotidiani locali, ma perché l’organo tecnico di valutazione ritiene che il territorio veneto non sia unico nel suo genere. Tuttavia, al di là dell’esito, gli stessi valutatori sottolineano le bellezze del nostro territorio, la capacità gestionale, la storicità di un territorio di cui, nel giudizio di valutazione, si sottolinea il valore mondiale. La valutazione espressa, quindi, pur concludendosi, per il momento, con un giudizio negativo, evidenzia i tanti pregi del territorio candidato: è proprio facendo leva su questi pregi che lavoreremo nei prossimi giorni per arrivare ad un giudizio finale positivo». Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata dalla Regione Veneto il 10 maggio 2018, che riporta un testo a firma del professor Amerigo Restucci, coordinatore scientifico per la candidatura delle Colline del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene, e che riportiamo integralmente. «Ricordiamo, infatti, che il rapporto pubblicato oggi (giovedì 10 maggio, ndr) costituisce una raccomandazione tecnica dell’organo consultivo dell’Unesco, l’“International Council on Monuments and Sites (ICOMOS)”, prevista dalle regole della Convenzione sul Patrimonio Mondiale. La valutazione conclusiva – si mette in evidenza – è invece affidata al Comitato del Patrimonio, che è un organo politico eletto dagli Stati membri della Convenzione del 1972 e che può accogliere, modificare o integrare la raccomandazione tecnica. Del Comitato, che si riunirà in Bahrein dal 24 giugno al 4 luglio, fanno parte 21 Paesi, in rappresentanza di tutte le aree geografiche del mondo (in questo biennio: Angola, Australia, Azerbaijan, Bahrain, Bosnia e Herzegovina, Brasile, Burkina Faso, Cina, Cuba, Guatemala, Indonesia, Kuwait, Kyrgyzstan, Norvegia, Saint Kitts and Nevis, Spagna, Tanzania, Tunisia, Uganda, Ungheria, Zimbabwe). Da qui a fine giugno proseguiremo, quindi, nel nostro lavoro per esaltare gli aspetti positivi indicati nel dossier e dimostrare ai membri del comitato dell’Unesco che il territorio veneto non solo è bello ma è anche unico al mondo. Giova, infine, ricordare, a titolo di cronaca, che l’Italia, avendo il primato mondiale dei siti riconosciuti dall’Unesco patrimonio dell’umanità, sconta da anni un giudizio tecnico sui nuovi dossier di candidatura molto critico. Basti pensare che, anche nel caso della candidatura del paesaggio vitivinicolo delle Langhe-Roero e Monferrato, il giudizio iniziale dei valutatori era negativo; ugualmente è accaduto lo scorso anno con il dossier di candidatura de “Le Faggete vetuste”, il cui esito è stato poi ribaltato dal comitato del patrimonio mondiale grazie ad un lavoro costante dell’ambasciatrice italiana all’Unesco, Vincenza Lomonaco».

«Con questa consapevolezza, siamo convinti che il Ministero degli Esteri, che ha ora la responsabilità di gestire il negoziato internazionale, insieme alle altre Amministrazioni coinvolte, grazie anche alle capacità negoziali dell’ambasciatrice Lomonaco, saprà far valere le nostre ragioni – conclude la nota del professor Restucci – e dimostrare al mondo l’unicità delle colline di Conegliano e Valdobbiadene».

Condividi su:
Tags: , , , ,

Articoli Correlati

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

INSTAGRAM