mercoledì, 22 Maggio, 2024

SITO IN AGGIORNAMENTO

Allarme Coldiretti: attacco Usa a olive spagnole con aumento tariffe mette sotto accusa il sistema di aiuti Ue all’agricoltura

12 Luglio 2018 - Local Genius

Allarme Coldiretti: attacco Usa a olive spagnole con aumento tariffe mette sotto accusa il sistema di aiuti Ue all’agricoltura


Nel 2017 il Made in Italy agroalimentare ha raggiunto il record 4,1 miliardi di euro di export in Usa (paese al terzo posto in importanza dopo Germania e Francia)

Stampa Articolo Stampa Articolo


«L’attacco Usa alle olive spagnole con l’aumento delle tariffe mette sotto accusa il sistema di aiuti europei all’agricoltura e con esso, di fatto, una larga parte delle esportazioni agro-alimentari dell’Unione Europea compreso quelle Made in Italy che hanno raggiunto il record 4,1 miliardi di euro nel 2017 in Usa, il massimo di sempre grazie ad un aumento del 6%. È quanto afferma la Coldiretti nel commentare con preoccupazione la decisione della Commissione commercio internazionale degli Stati Uniti di confermare tariffe provvisorie antidumping e antisussidio nei confronti delle olive mature della Spagna perché danneggiano l’industria statunitense». Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata l’11 luglio da Coldiretti nazionale e che riportiamo integralmente.

«La procedura iniziata su reclamo di alcuni produttori di olive americani rischia pericolosamente di estendersi all’intera produzione agroalimentare dell’Unione Europea perché – continua la Coldiretti – viene messo nel mirino statunitense il sistema di aiuti europei all’agricoltura, costituendo un pericoloso precedente per futuri attacchi alla Politica Agricola Comunitaria ed agli aiuti disaccoppiati alla produzione che rientrano a tutti gli effetti nella cosiddetta “scatola verde”, regolata dalla normativa della Wto (Organizzazione mondiale del commercio), riguardante tutti i trasferimenti pubblici al settore agricolo che non distorcono gli scambi commerciali». «Gli Stati Uniti – sottolinea la Coldiretti – sono di gran lunga il principale mercato di riferimento per il Made in Italy fuori dall’Unione Europea con un impatto rilevante anche per l’agroalimentare considerato che le esportazioni di cibo e bevande sono aumentare del 6% nel 2017 per un totale di circa 4 miliardi di euro, il massimo di sempre. Gli Usa – continua la Coldiretti – si collocano al terzo posto tra i principali italian food buyer dopo Germania e Francia, ma prima della Gran Bretagna. Il vino – conclude la Coldiretti – risulta essere il prodotto più gettonato dagli statunitensi, davanti a olio, formaggi e pasta».

Fotografia pubblica: olive sull’albero (archivio Local Genius)

Condividi su:
Tags: , , , , , ,

Articoli Correlati

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

INSTAGRAM