mercoledì, 24 Luglio, 2024

SITO IN AGGIORNAMENTO

La popolazione italiana invecchierà: nel 2045-50 gli ultra 65enni saranno il 34% del totale

4 Maggio 2018 - Local Genius

La popolazione italiana invecchierà: nel 2045-50 gli ultra 65enni saranno il 34% del totale


Istat: l’età media della popolazione passerà dagli attuali 44,9 a oltre 50 anni nel 2065, il processo di invecchiamento della popolazione è da ritenersi certo e intenso

Stampa Articolo Stampa Articolo


“La sopravvivenza è prevista in aumento. Entro il 2065 la vita media crescerebbe di oltre cinque anni per entrambi i generi, giungendo a 86,1 anni e 90,2 anni, rispettivamente per uomini e donne (80,6 e 85 anni nel 2016). L’incertezza associata assegna limiti di confidenza compresi tra 84,1 e 88,2 anni per gli uomini e tra 87,9 e 92,7 anni per le donne”. Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata dall’Istat il 3 maggio 2018, relativa al futuro demografico dell’Italia (Previsioni regionali della popolazione residente al 2065). “Si prevede – precisa l’Istituto nazionale di Statistica – che il saldo migratorio con l’estero sia positivo, mediamente pari a 165 mila unità annue (144 mila l’ultimo rilevato nel 2016), seppure contraddistinto da forte incertezza. Non è esclusa l’eventualità ma con bassa probabilità di concretizzarsi (9,1%) che nel lungo termine esso possa diventare negativo. Il saldo naturale della popolazione risente positivamente delle migrazioni. Sempre nello scenario mediano l’effetto addizionale del saldo migratorio sulla dinamica di nascite e decessi comporta 2,6 milioni di residenti aggiuntivi nel corso dell’intero periodo previsivo. Le migrazioni interregionali favoriranno ancora il Centro-Nord, ma seguiranno un’evoluzione di leggero declino man mano che le generazioni di giovani e adulti, le più interessate ai movimenti migratori, tenderanno numericamente a ridursi”. “L’età media della popolazione – conclude l’Istat – passerà dagli attuali 44,9 a oltre 50 anni nel 2065. Considerando che l’intervallo di confidenza finale varia tra 47,9 e 52,7 anni, il processo di invecchiamento della popolazione è da ritenersi certo e intenso. Parte del processo di invecchiamento in divenire è spiegato dal transito delle coorti del baby boom (1961-76) tra la tarda età attiva (39-64 anni) e l’età senile (65 e più). Si prevede un picco di invecchiamento che colpirà l’Italia nel 2045-50, quando si riscontrerà una quota di ultrasessantacinquenni vicina al 34%”.

Fotografia pubblicata:
Varazze (Liguria), Parco Costiero dei Piani d’Invrea (Lungomare Europa). Panorama (Archivio fotografico Local Genius)

Condividi su:
Tags: , , , , ,

Articoli Correlati

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

INSTAGRAM